TAPPA IN CUCINA Tra isole e penisole…

March 17, 2017

E’ ormai diventato il sogno proibito e perverso di ogni donna moderna, casalinga o lavoratrice in carriera che dir si voglia, appassionata di cucina piuttosto che abile assemblatrice di prodotti pronti in scatola: l’isola (anche ammessa nel suo alter ego “la penisola”) in cucina è il desiderio recondito di ogni femmina emancipata, appassionata di riviste di arredamento della domenica, a cui  poco interessano le reali dimensioni a disposizione della stanza; la vera sfida è farcela entrare ad ogni costo!

Sulle riviste di settore è molto fotografata, poiché sicuramente più scenografica e dinamica di una composizione lineare, già solo per il fatto di poter utilizzare il bancone per l’inserimento di una cappa d’arredo, di luci puntuali e sedute caratterizzanti.

Credit: www.snaidero.it

 

Ma non sempre è questa la soluzione vincente!

Quando si progetta uno spazio importante come la cucina, fulcro e anima della casa, bisogna fare i conti con lo spazio, optando per la scelta più adatta anche a discapito di ciò che era la nostra aspettativa.

L’isola, o la penisola, funziona sicuramente bene per ambienti living, aperti su soggiorno, dove poter cucinare rivolti verso il commensale, esalta e celebra la convivialità della composizione e della scelta stilistica; oppure per stanze molto ampie e luminose, dove una soluzione semplice e lineare si perderebbe, lasciando la stanza troppo vuota e desolata, e risultando di fatto un’occasione mancata oltre che frutto di una progettazione pigra e piatta. In tutti gli altri casi inciampare nella tentazione di saturare lo spazio con volumi sovradimensionati ed invadenti, solo in virtù della loro valenza scenica, è un errore da evitare il più possibile, pena il rischio di costringere il fruitore ad organizzare delle vere e proprie crociere per circumnavigare interi arcipelaghi di isole, tavoli e penisole, la cui destinazione finale è il frigorifero!

Inoltre, se il desiderio è proprio irrefrenabile e l’ambiente è contenuto, suggerisco di rinunciare quantomeno al tavolo, ed utilizzare la penisola stessa come piano per consumare il pasto, dando per scontato che abbiate a disposizione un ambiente, separato, per la zona pranzo, dove poter accogliere gli ospiti o mangiare senza stare sempre e per forza abbarbicati su uno sgabello.

 Credit: www.varennacucine.com

 

Non sottovalutate le composizioni lineari, poiché oggigiorno la matericità fa da protagonista nell’arredamento, e gioca un ruolo importante anche in cucina, dove al più semplice dei laminati si sono affiancate le resine, i legni nelle diverse essenze, gli agglomerati di marmo, il vetro, l’acciaio e molti altri materiali sperimentali e pratici. Basta saper amalgamare, con gusto ed il giusto equilibrio, tutti gli elementi a disposizione per dare profondità alla composizione ed ottenere la giusta ricetta adatta al progetto della nostra cucina.

Date quindi spazio... ma quello “giusto”...alla fantasia!

   

 

 

Condividi
Condividi
Please reload

Potrebbe anche piacerti...

ARtelier Progetti con il Gattinara di Vegis Stefano vince il premio "Miglior etichetta grafica" del "Concorso Iron Grape 2018" di...

September 20, 2018

Lo stile non va in vacanza!

September 12, 2018

A cena con stile!

May 15, 2018

è arrivato... il secondo numero di AR|MAG

April 27, 2018

1/5
Please reload

© 2015-2019 by ARtelier Progetti

Arch. Silvia Veronica Scalia | iscritto OAT 6306  | P.IVA 08796550013

Arch. Silvia Somma | iscritto OAT 8719 | P.IVA  10664990016